domenica 1 giugno 2008

Rollercoaster - Gay life -

Non c'è spazio per noi, ragazze.

Non c'è spazio per le nostre scelte, per i nostri piccoli passetti.

Aspettando Dior moriremo dietro quei piccoli bicchieri di Martini, e no, sai una cosa, non so dove andare.

Ora ho quarant'anni, e sai cosa penso?

Che non sia cambiato niente.

Quando ne avevo venti, stavo di merda uguale.

Solo avevo abbastanza forza da nasconderlo.

Cosa voglio ora?

Uscire da tutto questo.

È tanto cool.

Ed è tanto caldo.

Ho bisogno di un poco di sano sesso.

Ferma la tua mano sale lungo la mia schiena.

Forse qualche scorciatoia verso il Paradiso la conosco ancora...

Forse posso dirti come non perderti.

E poi, quando il succo del tuo Amore sarà sul mio petto, sulla mia faccia, sai dirmi cosa sarà di noi?

Non ho ancora conosciuto il Noi.

Di certo, si è nascosto bene nelle pieghe delle mie paure.

Ed ora?

Posso dire di non averne?

No.

Però ho imparato a versare il contenuto di una bottiglia dentro la gola del lavandino, se serve.

Non basta?

E allora, che dire del passato?

Che forse, ho amato due fantasmi, sostituendone le figure come matrioske difettose, dai lati che non combaciavano?

Ho chiuso gli occhi, nascondendo la realtà.

Nessuno è mai esistito.

Ho cancellato un anno di vita, un anno di vittorie mancate all'ombra di un fantasma poco caldo.

Ieri sera, incontrarlo è stato liberatorio.

Non ti ho mai amato, pensavo solo di amare la tua immagine.

Il mio cuore gela un poco ma apre le sue mani al cielo.

Aspettando un Dio che non c'è. Se non nel mio Long Island.

Pronunciato Lng Ailland.

Un poco come ho pronunciato “Francesco” come “Simone”.

Un poco di morte in regalo.

Per farmi capire dalla mia prossima elucubrazione onanistica.

In attesa di un riscatto.

Siamo tutti caduti così in basso, da vedere gli altri un passo più sotto della realtà.

Il paradosso di Achille e la Tartaruga.


Non c'è spazio per noi, ragazze.

Non credo lo vendano su E-bay.

Nel caso, fatami sapere.

Ho un poco di cuore in procinto di marcire.

8 commenti:

chiara ha detto...

Più leggo il tuo blog più penso che se tu scrivessi un libro sarebbe il libro più coinvolgente mai letto.
Ho bisogno di sentirti vicino e leggere i tuoi pensieri è la cosa più bella.
E anche se certe cose non le capisco del tutto, perchè non riusciamo a condividere molto data la distanza, è immensa la fortuna nello starti accanto e scoprire ogni giorno il meraviglioso che c'è in te...

Anonimo ha detto...

Lo spazio c'è ed è tutto intorno, non hai amato per sbaglio e non hai amato nemmeno il ragazzo sbagliato... guardando quegli occhi hai visto l'errore, dietro quegli occhi c'è ancora qualcosa di tuo, qualcosa che un tempo hai regalato senza paure, quello spazio che manca è proprio li...
Non cancellare ma ricorda, ricorda bene, ricorda tutto, perchè non ti puoi permettere di sentire la mancanza proprio di quello spazio... Ora che sai dov'è, i fantasmi solidificheranno e non potranno svanire... e se volessero ancora più spazio da te ora sai che dirgli: "Ricordo abbastanza...".
Altro spazio c'è ed è tutto intorno a te... ama ancora e ama ancora il ragazzo sbaliato... e solo quando ti accorgerai di non avere davvero più spazio ti troverai abbracciato al vero amore...
Ricorda... ne vale la pena!
Tuo
Goccia

Anonimo ha detto...

Più ti leggo.. e ti conosco.. e più mi convinco di una cosa: se mai potevo provare qualcosa per un uomo, quello sei tu.. e ho ankora molto da scoprire!!
Era giusto che, dopo tanto tempo, te lo dicessi qui, almeno qui :-D
besos chico..
T.

ProzzaC ha detto...

Bell blog

Un saluto

mi piace

ProzzaC ha detto...

Ps: Il film e merebiglioso

un amico ha detto...

Auguri Ciccio, buon 24esimo compleanno!!!

Marco ha detto...

Grazie per gli auguri, "un amico"!

un amico ha detto...

Di nulla Marco, era solamente un pensiero...